Terapia e Consulenza Studio di Psicoterapia e EMDR ad Assago | Consulenza Psicologica Genitori-Figli a Milano
Home » Articoli » Difficoltà e disturbo dell'apprendimento

Articoli

Difficoltà e disturbo dell'apprendimento

Difficoltà e disturbo dell'apprendimento - Terapia e Consulenza

 

Il termine inglese learning disabilities riassume 2 concetti differenti: le difficoltà di apprendimento e i disturbi dell’apprendimento.

 

Per DIFFICOLTÀ si intendono quelle che un bambino può incontrare a causa di variabili estrinseche come le modalità di insegnamento, le difficoltà relazionali oppure svantaggi di tipo sociale.

 

Per DISTURBO si intende invece una difficoltà intrinseca dipendente dai processi d’apprendimento a base neuropsicologica.

 

Come criteri qualitativi per identificare un bimbo con probabile disturbo, la letteratura suggerisce il criterio della DISCREPANZA e il criterio della DISOMOGENEITÀ.

 
 
Criterio della discrepanza
 

Discrepanza tra la stima delle abilità intellettive (cognitive = Q. I.) del soggetto e l’effettivo successo scolastico nell’apprendimento

 
Criterio della disomogeneità
 

Il profilo cognitivo degli apprendimenti di competenze dimostrate dal soggetto può risultare disomogeneo nei diversi ambiti disciplinari di apprendimento. Per esempio, il bambino può avere buone prestazioni nelle discipline linguistiche, ma non in quelle matematiche, oppure anche nell’ambito della stessa disciplina presentare buone competenze nel calcolo ma inadeguate abilità di soluzione dei problemi, buone abilità nelle tecniche di lettura ma non nella comprensione.

 

Per arrivare all’indicazione diagnostica è necessario utilizzare strumenti di accertamento normativo, cioè i TEST.

 

I test consentono di confrontare la prestazione individuale con la norma, cioè con la prestazione dei bambini normali della stessa età.

 
 
DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO
 
 
 Fattori che influenzano il rendimento scolastico:
 
  • situazione economica della famiglia
  • livello di istruzione dei genitori
  • zona di residenza
  • eventuale appartenenza a minoranze culturali e/o linguistiche
  • sussidi, stimoli e sensibilità al processo di apprendimento e al valore della scuola e dell’istruzione nell’ambito famigliare
  • la quantità e la qualità dell’istruzione fornita
  • problemi emotivi o motivazionali (che sono però molto spesso conseguenza di una difficoltà dell’apprendimento)
  • le caratteristiche della personalità dell’individuo
  • difficoltà di socializzazione con coetanei ed adulti
 
 
DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO
 

Learning Disabilities si riferisce ad un gruppo eterogeneo di disturbi manifestati da significative (sotto la norma) difficoltà nell’acquisizione e uso di abilità di comprensione del linguaggio orale, espressione linguistica, lettura, scrittura, ragionamento, o matematica, presumibilmente dovuti a disfunzioni del sistema nervoso centrale e che possono essere presenti lungo l’intero arco di vita.

 

Le principali fonti di informazione diagnostica:

 

¤   anamnesi: ricostruzione dell’intero sviluppo del bambino

¤   colloquio con i genitori, rapporto con la scuola e raccolta di materiale relativo all’apprendimento

¤ prove standardizzate di apprendimento: consentono di valutare fino a che punto il bambino ha raggiunto gli apprendimenti che gli sono stati proposti

¤  prove di approfondimento degli apprendimenti: consentono di capire più in dettaglio quali aspetti dell’apprendimento siano deficitari

¤   questionari

¤   test di personalità

¤   test di intelligenza

¤   test cognitivi e neuropsicologici

 

 

Info: bonanomi@terapiaconsulenza.it